Your browser is not fully supported. Please upgrade your browser.

Vai al contenuto principale
Innovazioni

Oltre il limite


Le qualità naturali intrinseche della lana la rendono perfetta da lavorare a maglia senza cuciture e conferiscono comfort e resistenza ai capi che indossi per allenarti.

Riconoscendo che la fame dei consumatori per qualcosa di nuovo non si placa mai, marchi, rivenditori e produttori hanno rapidamente sviluppato le tecnologie che utilizzano per essere nella posizione ideale per creare qualcosa di brillante e nuovo. Le innovazioni possono assumere molte forme: da macchinari e modi di pensare a materiali e a prodotti nuovi. Nel settore dell'abbigliamento, l'intera catena di fornitura lavora insieme per creare un design lungimirante. I capi in maglia senza cuciture non sono certo una novità; calze e intimo senza cuciture sono in circolazione da decenni. Ma man mano che le tecnologie e le fibre diventano più avanzate, lo stesso vale per la realizzazione degli indumenti, in particolare quando sono confezionati con lana Merino.

Nell’ambito della tecnologia per gli indumenti senza cuciture, che rappresenta il punto più alto della tecnologia per maglieria, i quattro protagonisti principali (Karl Mayer, Santoni, Shima Seiki e Stoll) guidano il gruppo. Mentre l'abbigliamento tradizionale a base di lana veniva prodotto con la tecnica del taglio e cucito che limitava le possibilità, la produzione moderna degli strati di base a contatto con la pelle utilizza tecnologie di lavorazione a maglia e senza cuciture. Queste tecnologie vengono utilizzate per realizzare gli strati intermedi ed esterni di un'ampia gamma di indumenti. L'abbigliamento senza cuciture è unico perché consente una combinazione di diversi modelli e strutture lavorate a maglia, come quelle a coste o vicino all'occhiello, in diversi colori su un singolo pezzo di tessuto. Progettando un capo per avere caratteristiche come punti di compressione e traspirazione su una singola struttura consente una maggiore varietà e un maggiore comfort.

I marchi sportivi leader in tutto il mondo sanno fin troppo bene qual è l'importanza della lavorazione a maglia senza cuciture, in particolare per l'abbigliamento sportivo ad alte prestazioni per la corsa, il ciclismo e lo sci. Offre una protezione superiore tramite l’uso di strutture a maglia compressa speciali che fungono da zone rinforzate.

"Si possono realizzare un sacco di cose senza cuciture che non erano possibili con altre tecnologie di lavorazione a maglia, come la costruzione del tessuto a contatto con il corpo". Thomas Moe – Ortovox

"L'abbigliamento senza cuciture fa parte del panorama dell'abbigliamento sportivo da decenni e la sua popolarità è cresciuta negli ultimi tempi poiché abbiamo visto innovazioni nei filati, dalle lane Merino ai poliesteri performanti e tutto il resto, oltre a progressi delle tecnologie circolari di lavorazione a maglia", spiega il Senior Director dell’Abbigliamento per la corsa di Adidas Craig Vanderoef. "Ora possiamo offrire capi performanti fatti su misura per il corpo del consumatore, senza il problema dell'irritazione delle cuciture, mantenendo lo sportivo più fresco, caldo e persino eliminando gli odori. Possiamo fare tutto questo e aggiungere decorazioni e tocchi di stile ingegnerizzati, riducendo gli sprechi del processo di fabbricazione. Otteniamo questo risultato usando tinture e posizionando il filato invece di tagliare tre o quattro tessuti e cucirli insieme. In ultima analisi ciò significa che gli sportivi sono più comodi e ottengono prestazioni di livello superiore con un tocco di classe. Tutto ciò offre di più e sarà diffuso".

Negli ultimi anni, la comprensione e l'apprezzamento del mercato per l'abbigliamento sono cresciuti in modo esponenziale. Di conseguenza, la lana è ora vista come un formidabile avversario dei materiali sintetici nello spazio dei capi senza cuciture. L'abbigliamento sportivo più ricco di lana è diventato il benvenuto nei negozi. "Si tratta di creare un microclima corporeo migliore per l'utente finale e ciò viene ottenuto tramite l'innovazione nel campo dei capi senza cuciture. [Creiamo] capi tecnici all'avanguardia e ad alte prestazioni [utilizzando] tecniche di maglieria per la mappatura del comfort [e] lana merino ultra fine", spiega il capo della Divisione per l’Abbigliamento da montagna Ortovox, Thomas Moe.

"Si possono realizzare un sacco di cose senza cuciture che non è possibile fare con altre tecnologie di lavorazione a maglia, come la costruzione del tessuto a contatto con il corpo. L’assenza di cuciture ci consente di lavorare con la tecnica della mappatura del comfort per ottimizzare le prestazioni; ci permette di creare zone diverse, più strutture a maglie aperte e più zone calde sul corpo dove è più caldo o c’è più ventilazione. Tutto ruota attorno al microclima corporeo".

Collegando tutti gli aspetti della catena di fornitura, The Woolmark Company, insieme ai suoi partner, sfrutta appieno la recente popolarità della lana nel mercato dello sport e dell’esercizio fisico. Le aziende in tutta la catena di fornitura stanno traendo vantaggio da questa crescita. Sono stati sviluppati nuovi filati ricchi di lana e di lana appositamente per questo tipo di maglia senza cuciture, con una maggiore resistenza del filo tramite tecnologie di filatura wrap-spun spinning. "Ora c’è molta più scelta sul mercato in tutta la catena di fornitura", afferma Julie Davies, General Manager della divisione Processing Innovation and Education Extension di The Woolmark Company. "Lavoriamo con e mettiamo insieme fornitori di filati, produttori di macchine, produttori di abbigliamento e marchi per aprire la strada a un tipo di abbigliamento tecnicamente avanzato. Il maggiore sforzo dei filatori nello sviluppo di nuovi filati attraverso un impegno diretto con i marchi sportivi per realizzare specifici sviluppi di prodotto, riflette la crescita continua di questo settore".

Lisa Griplas ha più di dieci anni di esperienza nel settore dei media e della comunicazione. Giornalista di professione, ha trascorso diversi anni lavorando presso un quotidiano prima di trasferirsi a The Woolmark Company per assumere il ruolo di Global Editor, un titolo che detiene tuttora.