Your browser is not fully supported. Please upgrade your browser.

Vai al contenuto principale
Cura della lana

Lavaggio di capi delicati


Prenderti cura dei tessuti che hai a casa e di quelli che indossi non deve essere qualcosa di traumatico, né costoso e nemmeno inelegante, come ha dimostrato Alexandra Brown con la sua nuova linea di prodotti per il bucato, Ms BROWN.

C'è una certa allure che deriva dall'indossare un bellissimo capo in lana, anche se il lavoro fatto dietro le quinte per mantenere il capo spesso attira meno interesse, per non parlare poi della fase di produzione. Dopo aver lavorato oltre dieci anni come giornalista e opinion leader presso le migliori riviste di moda e lifestyle in Australia, Alexandra Brown ha capito che c'era qualcosa che mancava nel suo settore.

"Nel corso della mia carriera presso Vogue e Vogue Living non ho mai trovato un prodotto naturale per la cura dei capi realizzato in Australia che fosse speciale come i vestiti che  volevo lavare con esso", ha affermato la Sig.ra Brown. "Così, ho iniziato a creare una selezione di prodotti che fossero delicati ma allo stesso tempo efficaci e sicuri per chi li utilizza, i suoi preziosi vestiti e l'ambiente, pur mantenendo un tocco di lusso".

Dato che è cresciuta nel sud dell'Australia rurale in un allevamento di pecore Merino, non sorprende che la preoccupazione di Alexandra per l'ambiente sia sincera e totalmente radicata nell'identità della sua nuova azienda. "La mia educazione su Kangaroo Island mi ha lasciato il desiderio di mantenere le cose il più naturali possibile quando si tratta di cura della pelle e della casa". La Sig.ra BROWN ha lanciato la sua linea solo 9 mesi fa, ma tiene questa idea a lungo termine al centro del marchio. "La sostenibilità dei prodotti Ms BROWN è assolutamente fondamentale. È stata posta grande attenzione nella selezione degli ingredienti per garantire che non siano irritanti, siano anallergici e siano completamente biodegradabili;  vengano utilizzati solo ingredienti naturali, sicuri ed estratti dalle piante. "E con l'ondata di benessere che porta sempre più consumatori a esigere opzioni naturali e pulite dalle industrie alimentari e cosmetiche, li stiamo aiutando a definire il  'bucato pulito' in un modo nuovo".

In linea con l'approvvigionamento e la produzione rispettosi dell'ambiente di Ms BROWN, la prima versione del prodotto è Lavaggio della Lana di Eucalipto e del Cachemire che sfata il mito per cui gli indumenti di lana devono essere lavati a secco. "Molte persone non si rendono conto che la maggior parte dei capi, specialmente quelli realizzati in lana, può essere lavata in lavatrice o a mano". La sig.ra Brown prosegue dicendo: "In questo modo, i tuoi vestiti non vengono esposti alle sostanze chimiche pericolose usate in lavanderia che, non sono solo dannosi per l'ambiente, ma che lasceranno anche un residuo che finirà per rovinarli".

La lana è conosciuta per durare a lungo, ma bombardarla con i prodotti chimici del lavaggio a secco forse non è il modo migliore per sfruttare la naturale resistenza della fibra. E la maggior parte delle volte non è nemmeno necessario farlo. "Ho un bellissimo gilet verde militare di pura lana che ho da così tanto tempo che ha ancora il cartellino con il mio nome dai tempi del collegio (non sono cresciuta molto!) ma mi piace ancora indossarlo e si lava che è una meraviglia!"

Oltre a essere delicati sugli indumenti, i prodotti Ms BROWN hanno un aspetto morbido. "Penso che i clienti cerchino la bellezza in tutti gli aspetti della vita. Perché i prodotti che usi per lavare i tuoi vestiti non dovrebbero essere belli come i vestiti stessi?". Sorge spontanea la domanda sul perchè la confezione dei prodotti per il lavaggio tradizionali sia stata in gran parte trascurata fino ad ora.

Identificando una chiara lacuna del mercato pur insistendo nel fare le cose nel modo giusto sia per l'ambiente sia per i capi, sembra che la sig.ra BROWN stia riuscendo a far diventare il lavaggio un fatto di tendenza.

Lisa Griplas ha più di dieci anni di esperienza nel settore dei media e della comunicazione. Giornalista di professione, ha trascorso diversi anni lavorando presso un quotidiano prima di trasferirsi a The Woolmark Company per assumere il ruolo di Global Editor, un titolo che detiene tuttora.